A bigger splash

Uno dei migliori film che ho visto recentemente è senz’altro “A bigger splash” di Luca Guadagnino.
Luca è uno dei pochi italiani che valga la pena di seguire e, come tale, ha poco a che fare con la madrepatria e le sue liturgie.
Vive abbastanza in disparte, ha un focus ed una mentalità fortemente internazionali, fa pochi film e quei pochi totalmente diversi dal milieu italiota classico.
Come Sorrentino, per intendersi.
Grande amico di Tilda Swinton fin dai suoi esordi, attrice feticcio per eccellenza, ogni film è irrorato dalla sghemba e misteriosa bravura della londinese.
Dopo ben 6 anni dal fascinoso “Io sono l’amore”, ambientato nell’alta borghesia milanese, film rarefatto e non perfettamente riuscito, qui Guadagnino tocca vette superiori portando il suo “gruppo di famiglia in un interno” dall’altra parte dello stivale, sia geograficamente che psicologicamente.
A Pantelleria, che oltretutto è un’isola e quindi apre scenari che rimandano al mondo chiuso, al naufragio, come in Pasolini, Rossellini, Polanski.
Dichiaratamente girato in stile anni ’70, molto godardiano pur essendo vagamente ispirato a “La piscina” di Deray, giallo borghese di gran classe con Delon e Romy Schneider al massimo della forma fisica e con il grandissimo Maurice Ronet, uno dei tanti eccelsi attori francesi, già protagonista del capolavoro malliano “Ascenseur pour l’échafaud” (con la Moreau e la musica di Miles Davis, se può bastarvi), questo film ha un sottile fascino e una sotterranea deriva post-hippy, che è quella dei suoi personaggi.
Un film che lascia il segno e prende il suo titolo da una famosa opera di Hockney dove c’è tutto : l’atmosfera fredda della high society, il tuffo stilizzato, la piscina e la villa nascosta tra le colline e nascosta agli occhi del popolo dei normali.
Meravigliosa la Swinton, rockstar afona (arguta metafora) in vacanza col suo giovane compagno, terremotata dall’arrivo dell’ingombrante e flamboyant ex, produttore musicale senza freni, interpretato al solito in maniera sublime da Ralph Fiennes, in viaggio con la figlia loliteggiante (Dakota Johnson).
Come al solito astenersi perditempo, come si dice in altri ambiti.
Ossia quelli che al film si va solo per divertirsi, che i film sono un pò lenti, che “di cosa parla” e “qual è la storia”.
Nei seventies si chiamavano film “arty” e spesso erano il miglior pasto possibile.
Riproprorlo nel 2015 e con questa finezza e precisione di sguardo mi sembra una grande prova di uno dei pochi registi interessanti in circolazione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s