May ends in June

Le “snap elections” indette da Theresa May si sono ritorte contro la sua promotrice.
Dopo l’autogol storico di Cameron che, da perfetto nobile inglese, si allontana dal luogo del delitto tornando sdegnosamente al golf e al polo in campagna, la molto meno nobile, furba e velenosa erede di Maggie, secondo la nuova moda, fa finta di nulla, ignora disonestamente le sue contraddizioni e si allea con la parte più troglodita del Regno (DUP? Davvero?) per sopravvivere.
Sembra il paradosso della globalizzazione, l’italianizzazione del mondo una volta civile, soprattutto nella parte nella quale gli italioti, machiavellicamente, possono ancora dire la loro senza essere ridicolizzati dalla modernità.
La politica, ahimè.
L’arte di complicare le cose semplici, tormentando la popolazione e possibilmente garantendosi rendite di posizione.
Una delle belle notizie di queste elezioni del dopo sbornia Brexit è la scomparsa dell’UKIP.
Anch’essa, come Cameron, sparita colpevolmente dopo aver rotto la cristalleria.
E con un Farage, perfetto rappresentante della mediocre, incapace arroganza ottusa che domina la politica oggi, nell’abbraccio mortale con la destra naturale del popolino, rientrato velocemente nei comodi ranghi dello stipendio di europarlamentare.
L’altra, abbastanza sorprendente notizia, è che i giovani sembrano votare progressista, stretti tra l’esigenza di prefigurare un futuro meno avvilente e retrogrado di quello che vorrebbero imporre loro generazioni ampiamente smarrite dalla storia e nostalgiche delle parole d’ordine di una volta o di una “guida” che fosse il prete, il generale o entrambi, e la parallela esigenza di una protezione al loro ruolo di proletari senza tutele nel nuovo mondo.
Votano vecchi socialisti come Melenchon (il più bilioso e meno convincente), Sanders, Corbyn.
In assenza di nuove leve convincenti e terze vie reali (che non sono certo quelle di gente come Renzi, in perfetta continuità di modi e fatti col passato peggiore), vanno dove vedono una speranza e un modo gentile di raccontarla.
Da noi questi afflati sono in gran parte assorbiti dall’ambigua forza del M5S che, pur avendo molti lati oscuri e molte contraddizioni, rispetto al recente passato italico sembra un giglio, giustamente.
Un paese dominato anche anagraficamente da quella “maggioranza silenziosa” che è passata dalle monetine per Craxi al voto a slavina per il suo migliore amico e massimo beneficiario di quel sistema, in totale continuità.
In questo flebile ritorno del giovane progressismo guidato da antichi gentiluomini, in contrapposizione all’ignoranza ottusa e aggressiva dei nemici del “politically correct”, coltivatori ormai senza freni di vecchi e trogloditi costumi, vedo una delle poche vie d’uscita ragionevoli da questo tunnel malefico.
Oltre ad una moderna, sana e senza complessi gestione razionale, consapevole, elitaria che vada oltre l’urlo e il belato e che oggi è rappresentata da gente come Macron e Trudeau.
La mia anima ottimista mi fa pensare che siamo ad una parentesi della storia, chiassosa e costosa, che verrà, spero presto, riassorbita da un flusso storico che va verso una maggiore unione e non certo verso gli ottusi particolarismi che rigurgitano ovunque.
Serve visione, determinazione, competenza vera, resistenza alle sirene del populismo.
Ripensandoci : vasto programma.
Quasi quasi torno al pessimismo della ragione.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s