The Numbers

Non molti giorni fa sentivo da casa mia le note di questo pezzo dei Radiohead, frontliners di lusso della kermesse iDays del Parco di Monza.
I Radiohead appartengono di diritto all’aristocrazia del pop rock odierno, quella che viene considerata ancora di riferimento nella morta gora della musica moderna, deceduta da anni per totale cambiamento di scenario, mancanza di idee e talento, sbagliata concezione del valore della musica e mille altri bugs ed equivoci, tipo il rap, che l’hanno gettata nel nulla.
Di fondo, però, perfino i migliori, come il gruppo di Thom Yorke, sono dei fiacchi epigoni se riferiti ai giganti del passato, e sono sicuro che perfino lui sarebbe d’accordo sull’assunto, in particolare in riferimento ai Pink Floyd, sempre citati tra le influenze maggiori dei Radiohead.
In mezzo ad una musica spesso lamentevole e basta oppure “pointless”, ma sempre con grazia solenne, i nostri piazzano delle perle.
La differenza con il passato è che le perle sono sporadiche.
Ma “The Numbers” lo è senz’altro, con quell’incedere solenne, maestoso ma soprattutto malinconico, che definisce la dolcezza crepuscolare di qualcosa che muore e cambia per sempre.
Sempre meglio che l’epigonismo manieristico di gente come Coldplay, Ed Sheeran, Muse e altri che presto, puntualmente, le riviste inglesi d’antan che ancora si ricordano dei passati splendori, bollano come “overrated”.
Che è un modo perfino gentile per metterla.
I numeri contano sempre.
Au revoir?

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s