La fine dei nazionalismi

La fine dei nazionalismi non comporta necessariamente la fine del nazionalismo.
Quando i nostri pronipoti studieranno questo periodo storico, turbolento come da prassi per i periodi di transizione, troveranno che la parola “glocal” sarà molto utile per inquadrare la vicenda.
L’avvento della “globalizzazione” è semplicemente, al di là degli slogan di comodo, la modernizzazione di un mondo per certi versi ancora molto antico ed arretrato culturalmente grazie alla spinta combinata di fattori inarrestabili come la tecnologia delle comunicazioni e dei trasporti.
In un mondo fatalmente più aperto e interconnesso molte letali sciocchezze diventano più difficili da sostenere e per forza di cose prevale la relatività (alcuni ideologi direbbero : il relativismo) di un mondo che scopre di essere molto più simile di quanto sospetterebbe chi si rifugia nel proprio paesello.
Il misto di rabbia e paura, due emozioni che spesso tendono a rinforzarsi a vicenda, alimenta la feroce reazione sociale e culturale di chi sta perdendo il senso della storia e anche il senso delle piccole storie che lo animano.
Si agita lo spettro della perdita di identità, statale, locale ma anche religiosa, ma in realtà si grida alla luna e non si capisce l’enorme opportunità data da un mondo più aperto, informato, meno ancorato alle piccole patrie.
D’altronde non si contano i danni che nazionalismi e religioni hanno combinato in questi secoli che sono alle nostre spalle e francamente non si capisce davvero tutta questa nostalgia.
Perchè spesso, troppo spesso nella storia il comprensibile senso di appartenenza ad un luogo, ad una cultura, ad una religione, sono sfociati in un’arma di contrapposizione agli altri luoghi, culture, religioni.
Personalmente, ad esempio, mi identifico nella categoria “occidentale”, “europeo”.
Qualsiasi cosa voglia dire.
Mi sono sentito a mio agio da sempre, da quando ricordo le mie vicende terrene, al di fuori dalla statalità “Italia” e dalla declinazione cattolica della religione del luogo, il cristianesimo.
Penso che il mondo abbia tutto da guadagnare dal depotenziamento dell’importanza e del concetto di singola nazione.
Innanzitutto per una questione culturale.
Non è un caso che da sempre, non solo oggi in piena globalizzazione tecnologica, le classi più avanzate e colte dei singoli paesi sono sempre state cosmopolite e, spesso, abbastanza sospettose di ogni forma di ideologismo sia statale che religioso.
Quando si fanno analisi approfondite dei recenti “moti indipendentisti” (come direbbero a scuola se si studiasse un ipotetico “Risorgimento”), dalla Brexit alla Catalogna, si scopre l’ovvietà che la stragrande maggioranza di queste istanze sono portate avanti dalle classi più deboli, meno attrezzate culturalmente, quasi sempre le più avanti con gli anni.
La generazione dei nazionalismi al top della storia, quelle uscite dalla temperie delle due guerre mondiali, non si rassegna ad un mondo completamente diverso, che sta smantellando ad uno ad uno tutti gli pseudo pilastri su cui hanno costruito la loro identità e la loro storia.
Io, che faccio parte della generazione di mezzo, pur non comprendendo, da manuale, alcune istanze delle nuove generazioni, soprattutto sul piano culturale, sento però con certezza che il vento della storia sta andando, da almeno trent’anni in una direzione che non vedo affatto come inquietante, al di là delle banalità complottiste e semplicistiche che media e popolino possono agitare.
Persone che per anni si sono bevute ogni tipo di propaganda, sia statale che religiosa, adesso ci vengono a dire che dobbiamo aver paura del potere e pontificano contro i rischi della globalizzazione.
Fino a pochi anni fa servi premurosi e ottusi, adesso pasdaran incazzosi e sospettosi.
Troppo comodo.
Visto che, fino a questo momento almeno, tendo a non dimenticare, ricordo con precisione i limiti e i problemi del mondo che fu.
Ovviamente non ho la presunzione semplicistica del ventenne che prevede un futuro luminoso e perfetto ma attendo con ragionevole rilassatezza i frutti di un mondo che si conosce meglio e che, fatalmente, apre le proprie porte.
Fra qualche anno alcune sterili discussioni di questi tempi, tipo quella sul “politically correct” (la reazione biliosa di gente semplicemente “non educata” ad un mondo che non accetta più, anche formalmente, alcune bestialità), saranno cadute nel dimenticatoio perchè date, giustamente, per scontate.
Una specie di iato come quello che intercorse tra l’America esplicitamente razzista di qualche decennio fa e il mondo che è venuto dopo.
Rifiutare l’interconnessione naturale, la necessità economica e geopolitica di grandi blocchi sovranazionali, è una solenne sciocchezza e quindi sarà pagata duramente da chi persegue questi sogni antistorici.
Ovviamente ognuno può coltivare la propria dimensione “local” senza problemi, come è sempre successo nella storia, senza che questo diventi una ideologia che sovrasta le vere necessità.
Le radici esistono ma non per questo devono diventare una perenne àncora mentale.
L’America è un melting pot che funziona da decenni, con tutti limiti e le brutture della storia, e non per questo la gente ha perso il senso di appartenenza e di orgoglio per il singolo paesello, cosa che avviene anche nelle megalopoli, come chiunque abbia girato per davvero sa perfettamente.
Rappresenta comunque un dato prepolitico, umano e tale dovrebbe restare.
Esattamente come la religione, con la quale condivide il destino di debordamento dai propri ambiti e quindi gli enormi danni fatti fino ad oggi.
In genere l’esasperazione del concetto appartiene ai deboli, ai semplici, ai poco attrezzati culturalmente, e in questo il calcio ne è la plastica rappresentazione perfetta.
La gabbietta in testa e gli automatismi mentali che ne derivano hanno sempre fatto danni alle persone e alla storia in generale ma ora, questa è la mia impressione, siamo probabilmente agli ultimi fuochi.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s