Oh my…Kate !

Chiunque sia stato all’Hammersmith Odeon nel 2014 per il ritorno sulle scene di Kate Bush non potrà mai dimenticare, ne sono certo, quelle serate di assoluta magia.
Sia per l’eccezionalità dell’evento che per il tessuto geniale dello spettacolo, sia dal punto di vista teatrale che musicale.
Tuttora ci sono giornali, siti che accolgono il feedback infinito della massa di adoratori della dea del Kent e sapere che probabilmente non ci saranno altre occasioni accentua questa nostalgia e il senso di grazia che deriva dalla fortuna di esserci stati.
Non ringrazierò mai abbastanza la mia lunga iscrizione al fan club di KB che mi permise una corsia preferenziale per l’accesso a quei due biglietti che, solo dopo poche ore, valevano già migliaia di euro.
Oggi è uscito il resoconto audio live ufficiale di quel gioiello inarrivabile : “Before the Dawn – Live” e, come si faceva una volta quando la musica era davvero importante, mi sono messo in poltrona con la cuffia.
Queste due ore e mezza di paradiso contengono pure il bonus di un pezzo non eseguito dal vivo, proprio quello che è più mancato a me e a molti quella sera.
Un regalo aggiuntivo che viene dalle prove e che è uno dei pezzi più importanti della storia della musica a noi contemporanea : la grandiosa “Never be mine”.
Questa versione “live” di “Never be mine”, assolutamente immensa, è uno dei mille motivi per comprare questo capolavoro, se mai qualcuno dovesse pur cercarli.
Resta ancora nel cesto dei desideri l’attesissimo DVD che in ogni caso difficilmente riuscirebbe a catturare, pur nello splendore dell’HD e di una regìa che immagino all’altezza, uno spettacolo teatrale multimediale di rara forza e complessità nonché l’atmosfera davvero straordinaria di quelle sere.
Ma noi fanatici siamo abituati ai lunghi tempi e alle uscite inaspettate della signora immersa nella campagna inglese, tuttora incorrotta abbastanza per dimostrare, nelle prime interviste che stanno accompagnando l’uscita di questo “Live”, sincera gioia e sorpresa di fronte all’accoglienza incredibile ricevuta.
Una accoglienza che lo stesso Rhodes, fenomenale chitarrista e cuore pulsante dell’ensemble mitologico approntato per la residency londinese, abituato a fasti continui (con Peter Gabriel ed altri), ha definito unica, ultraterrena, superiore a quanto mai visto nella sua non breve vita di musicista.
Lunga vita a Kate.

Advertisements

…driven to tears

And then, it finally happened.
Unavoidably I cried.

Little light shining,
Little light will guide them to me
My face is all lit up, my face is all lit up
If they find me racing white horses,
They’ll not take me for a buoy

Let me be weak, Let me sleep
And dream of sheep

“And dream of sheep”, the beginning of the “Hounds of Love”‘s suite, a lyric and a song absolute, definitive, couldn’t help but defeating me with a theatrical setup like that.
Anyway the emotion had begun much earlier, with a pounding heart and a sensational party atmosphere, almost religious, to the tune of “Lily”, the beginning of a concert and a show, that of Kate Bush’s Hammersmith Apollo after 35 years of absence from the scene, which will surely remain in history.
“Lily”, one of my top ten songs to bring in the famous deserted island, a propitiatory song, really on the verge of religion.
Kate barefoot, regularly black-dressed as a priestess, comes in from the side, almost in a whisper, followed by backing vocals, and the scream that I heard, the reception, is something that I have never witnessed in any show, ever.
The first thing that I noticed was the band, a war machine of instruments’ gods (Omar Hakim on drums, Mino Cinelu on percussions, David Rhodes on guitar, John Giblin on bass … pretty much the cream of the brood of grandchildren of Miles Davis, Peter Gabriel and many others. Today the university of music), controlled by the supremely crystal clear Hakim’s drums who, of course, along with Rhodes, is the driving force of the sound.
The “Lily” start is one of the most perfect things I’ve ever seen on a stage.
The stage show begins as a concert in paradise, still remaining a traditional concert.
Impeccable as always, the London audience, though overwhelmed by emotions, stays in its place, no films, no photos, sits down at the beginning of every song, following the clear request that Kate cleverly asked before the first of this series of 22 “theatrical” concerts.
Kate, in an impressive vocal shape, really on the verge of divine, effortlessly rattles off songs from his boundless and extraordinary repertoire: Lily, Hounds of Love, Joanni (in a version to die for), Top of the city, Running Up That Hill (greeted by a roar that shook the foundations of the dear, old, although renovated, Apollo), King of the mountain (another wonderful version, even greater than on record).
We would go on like this for hours and no one would ever say anything, it would still have been the peak of a career in music voyeuring.
But the lyrics of the final “King of the Mountain” should have warned us:

The wind is whistling
The wind is whistling
Through the house

Here, as announced, the concert quickly becomes something else with a wonderful coup de théâtre, it becomes immediately a lavish multimedia musical.
Lights, wind, and suddenly the band disappears in the background, a shipwreck is staged in a few seconds.
A shipwreck on stage.
And a rescue helicopter that travels over the heads of the lucky witnesses, flooded by the lights, the screams and the music.
I have attended years of concerts, musicals, theatre seen and partly done behind the scenes.
I do not remember such an impact, never seen anything comparable, let alone in conventional rock concerts.
At this moment the genius of Adrian Noble immediately shines, Adrian, the other superstar in charge of the theatrical part from Kate, incidentally the leader of the RSC for years, the Royal Shakespeare Company.
I.e. the best in the world.
It seamlessly depicts the legendary suite of “The Ninth Wave”, the second part of “Hounds of Love”.
And his story of shipwreck and rescue.
Today this piece of music is regarded at the same level of the best classical music, a piece that was thus defined by Brett Anderson of Suede in the recent, beautiful tribute that the BBC has reserved the divine Kate (minute 41’13 “onwards).
This first act of the show is so full of things and so devastating that you get at the end almost exhausted.
It’s almost eerie visually, in the style of the house, with threatening fish people, interspersed with rare moments of stillness.
Videos that show the reality, what is really happening, and the scene, the theater, as a place of dreams.
As explained in the beautiful production booklet that is sold like hot cakes before, during and after the show.
The final, on the contrary, strikes a note that’s almost hieratic.
Kate leaves the stage, ending the parable of the suite, supported by hand by fish people in a funeral ceremony, taken in the proscenium between two wings of the audience and finally, finally, glides away.
And then again out on the stage with the band for “The morning fog”, almost a resurrection ritual, with the tranquility and simplicity of the great music
Exit.
Five-minute standing ovation from 3,000 people in awe.
On the curtain that heralds the second part of the show there is a feather, the symbol of the “KT fellowship,” the company of Kate, the only name put outside of the theatre along with the name of the show.
No need to put Kate’s name, because this, obviously, is NOT just a concert.
If Noble had to do a work of subtraction in the first part, given the amount of stimuli, in the second, of course, wisely, he does a work of adding.
The second act depicts the suite of “Aerial”, the work of the great return, very ethereal, almost peaceful and rural, the “Pastoral” by Kate after the “Fifth” of the first act.
And this second one finally delivers justice to another great masterpiece by Kate, with a visual version of absolute elegance.
Even more remarkable than in the first act the presence of Albert (Bertie), the very young and very talented son of Kate, who is at the root of the decision to return to the scene and definitely for this only reason will be idolized for years by me and all fans.
Elected by the mother chief consultant for the entire show, he sings and acts very naturally, already a professional ready for musicals.
Here he’s a painter, he paints a huge picture, a tableau vivant that changes all the time with the changing of the seasons, and interacts with a life-size wooden puppet.
This time the band remains clearly on stage, occupies the left side as in a Greenaway movie.
At one point comes even the unreleased track, “Tawny moon”, sung by Bertie himself.
A gorgeous mid-tempo, à la Gabriel, à la Sylvian.
À la Kate, if she would make up her mind and write a traditional musical.
The final “Aerial” grows, and grows up into a frenzy, like a summer storm.

I want to be up on the roof
I’ve gotta be up on the roof
Up, up high on the roof
Up, up on the roof
In the sun

The musicians, dressed in disturbing carnival masks vaguely echoing beloved Kubrick’s “Eyes Wide Shut” (Kubrick beloved by us, by almost everyone, but also by Kate, as she said several times).
An unbelievable final with Kate slowly turning into a bird, a blackbird.
She is “exposed” to the public, in a parallel with the “ceremony” of the first act.
Darkness on stage.
Standing ovation.
The stage is empty, only the instruments on stage and two trees that fell from the top to the two limits of the scene and one gets Kate’s grand piano on the left.
Kate, welcomed by a roar, goes to the piano.
And with inescapable simplicity traps everyone with a solo piano version of “Among Angels” : now we are all really in another dimension.
I never heard sing live at this level, especially with a simple piano.
Big finale with the entire band on proscenium and “Cloudbusting”.
The end.
Then a standing ovation and an applause that never ended, never.
Needless to say the show was welcomed by all critics enthusiastically as one of the landmarks in history and not only in music’s one.
And after this short stretch, Kate will return to his beloved countryside and tea, with modesty and understatement, still ignoring fashions and conventions (including those of the “greatest hits”), thanks to a genius, intelligence and a talent that won everyone tonight.
Maybe it was really a dream.

Driven to tears

Alla fine è successo.
Inevitabilmente ho pianto.

Little light shining,
Little light will guide them to me.
My face is all lit up,
My face is all lit up.
If they find me racing white horses,
They’ll not take me for a buoy.

Let me be weak,
Let me sleep
And dream of sheep.

“And dream of sheep”, inizio della suite di “Hounds of love”, un testo ed una canzone assoluti, definitivi, con una messinscena di quel genere non poteva non vincermi.
Ma l’emozione era cominciata ben prima, con un batticuore clamoroso ed una atmosfera di festa quasi religiosa, sulle note di “Lily”, inizio di un concerto e di uno show, quello di Kate Bush all’Hammersmith Apollo dopo 35 anni di assenza dalle scene, che resterà sicuramente nella storia.
“Lily”, una delle mie dieci canzoni da isola deserta, una canzone propiziatoria, davvero ai limiti del religioso.
Kate scalza, con regolare tunica nera da sacerdotessa, entra in scena di lato, quasi sussurrando, seguita dai backing vocals, e l’urlo che ho sentito di accoglienza è una cosa che non ho mai sentito in nessun spettacolo, mai.
La prima cosa che ho notato è stato il gruppo, una macchina da guerra di dèi dello strumento (Omar Hakim alla batteria, Mino Cinelu alle percussioni, David Rhodes alla chitarra, John Giblin al basso…praticamente la crème dei nipotini di Miles Davis, Peter Gabriel e mille altri, oggi l’università della musica), comandata dalla batteria suprema, al cristallo, di Hakim che, chiaramente, assieme a Rhodes è la guida tecnica del sound.
La partenza di “Lily” è una delle cose più perfette che abbia mai visto su un palco.
Lo spettacolo inizia così, come un concerto in paradiso, ma un concerto tradizionale.
Come sempre impeccabile il pubblico londinese, pur travolto dalle emozioni, sta al suo posto, non filma, non fotografa, si siede ad ogni pezzo, come da richiesta esplicita di Kate prima di questa serie di 22 concerti “teatrali”.
Kate, in una forma vocale impressionante, davvero ai limiti del divino, snocciola come se niente fosse una sequenza di pezzi dal suo sconfinato e straordinario repertorio : Lily, Hounds of love, Joanni (in una versione da svenimento), Top of the city, Running up that hill (accolta da un boato che ha scosso alle fondamenta il caro, vecchio, ancorché ristrutturato, Apollo), King of the mountain (altra versione immensa, perfino superiore a quella su disco).
Saremmo potuti andare avanti così per ore e nessuno avrebbe mai detto nulla, sarebbe stato comunque l’apice di una carriera di guardoni musicali.
Ma il testo del finale di “King of the mountain” avrebbe dovuto metterci in guardia :

The wind is whistling
The wind is whistling
Through the house

Qui, come annunciato, il concerto diventa subito qualcos’altro e con un coup de théâtre meraviglioso, diventa subito musical multimediale.
Luci, vento e di colpo sparisce il gruppo e va sullo sfondo e si mette in scena in pochi secondi un naufragio.
Un naufragio in scena.
Con tanto di elicottero di soccorso che viaggia sulle teste dei fortunati testimoni, inondati dalle luci, dalle urla, dalla musica.
Ho alle spalle anni di concerti, di musicals, di teatro visto e fatto anche in parte dietro le scene.
Non ricordo una cosa simile, mai visto nulla di paragonabile, figuriamoci poi nei normali concerti rock.
Il genio di Adrian Noble qui emerge subito, Adrian, l’altro fuoriclasse incaricato della parte teatrale da Kate, incidentalmente il capo per anni della RSC, la Royal Shakespeare Company.
Ossia il meglio a livello mondiale.
Si mette in scena la leggendaria suite di “The Ninth wave”, la seconda parte di “Hounds of love”, senza soluzione di continuità.
E la sua storia di naufragio e di salvezza.
Oggi considerata alla stregua della migliore musica classica, un pezzo che veniva definito così da Brett Anderson dei Suede nel recente, bellissimo tributo che la BBC ha riservato alla divina Kate (minuto 41’13” in poi).
Questo primo atto dello show è così ricco di cose e così devastante che si arriva alla fine quasi esausti.
Visivamente quasi inquietante, secondo lo stile della casa, con minacciosi fish people, alternati a rari momenti di quiete.
I video che indicano la realtà, cosa sta succedendo per davvero, e la scena, il teatro, come luogo del sogno.
Come indicato nello splendido libretto di produzione che è andato a ruba prima, durante e dopo lo spettacolo.
Ma il finale finale, come contraltare, è in una nota quasi ieratica.
Kate esce di scena, concludendo la parabola della suite, sorretta a mano dai fish people come in una cerimonia funeraria, portata nel proscenio tra due ali di folla e infine, definitivamente, fuori.
Finalino sul proscenio con la band per “The morning fog”, quasi una resurrezione, con la tranquillità e la semplicità della grande musica.
Exit.
Cinque minuti di applausi di 3000 persone incredule.
Sul sipario che preannuncia la seconda parte c’è una piuma, il simbolo della “KT fellowship”, la compagnia di Kate, unica nota, oltre al nome dello spettacolo, presente anche all’esterno del teatro.
Non c’era davvero bisogno di indicare il nome della musicista, perché questo, palesemente, NON è un semplice concerto.
Se Noble nella prima parte aveva dovuto lavorare di sottrazione, vista la mole di stimoli, nella seconda, evidentemente, sapientemente, lavora di aggiunta.
Il secondo atto mette in scena la suite di “Aerial”, il lavoro del grande ritorno, molto rarefatto, quasi pacificato ed agreste, la “Pastorale” di Kate dopo la “Quinta” del primo atto.
E fornisce finalmente giustizia ad un altro grande capolavoro di Kate, con una versione visiva di una eleganza assoluta.
Entra in scena in maniera ancora più importante Albert (Bertie), il giovanissimo e talentuosissimo figlio di Kate, che è alla radice della scelta di tornare in scena e che solo per questo sarà idolatrato per anni da noi fans.
Eletto dalla madre consulente totale, canta e recita con grande naturalezza, già da professionista pronto per il musical.
Qui fa il pittore, dipinge un enorme quadro, un tableau vivant che racconta nel frattempo l’alternarsi delle stagioni, interagisce con un puppet di legno a grandezza naturale.
Il gruppo, questa volta, resta in scena, occupa la parte sinistra del palco come in una composizione alla Greenaway.
A un certo punto arriva perfino l’inedito, “Tawny moon”, cantato proprio da Bertie.
Un pezzo mid tempo splendido, alla Gabriel, alla Sylvian.
Alla Kate, se si mettesse in testa di fare un musical tradizionale.
Il finale di “Aerial” cresce, cresce fino al delirio, come un temporale estivo.

I want to be up on the roof
I’ve gotta be up on the roof
Up, up high on the roof
Up, up on the roof
In the sun

I musicisti, vestiti con maschere carnevalesche inquietanti, alla “Eyes wide shut”, dell’amatissimo Kubrick (da noi, da quasi tutti, ma anche da Kate, come da lei detto varie volte).
Un finale incredibile e pian piano Kate si trasforma in un uccello, in un blackbird.
Viene “esposta” al pubblico, in un parallelo con la “cerimonia” del primo atto.
Buio.
Ovazione infinita.
Il palco è vuoto, solo gli strumenti in scena e due alberi che sono piombati dall’alto ai due limiti della scena e uno ha traguardato in pieno il piano a coda di Kate, sulla sinistra.
Entra da destra Kate, accolta da un boato e va al piano.
E con inesorabile semplicità uccide tutti con una versione piano solo di “Among angels” e davvero tutti siamo in un’altra dimensione.
Mai sentito cantare dal vivo a questo livello, soprattutto con un semplice pianoforte.
Finalone con gruppo al proscenio e “Cloudbusting”.
Fine.
A seguire una ovazione e un applauso che non finiva mai, mai.
Inutile a dirsi lo spettacolo è stato accolto da tutta la critica in maniera entusiastica, come uno degli apici della storia non solo della musica.
E dopo questo breve tratto, Kate tornerà all’amata campagna e al tè, con la modestia e l’understatement di chi, felicemente, ignora mode e convenzioni (anche quelle del “greatest hits”), grazie ad un genio, una intelligenza ed un talento che hanno conquistato tutti.
Forse davvero è stato un sogno.

Cherrypicking n. 16

È difficile essere colpiti ancora, a così tanta distanza di tempo, da un pezzo o da qualsiasi frammento artistico che si conosce a menadito.
Eppure la grande musica, anche quella pop, ha dei monumenti nascosti.
Il ritorno della grandissima Kate Bush sulle scene e l’eccitazione per aver trovato un miracoloso biglietto per quello che si appresta a diventare probabilmente l’evento del decennio mi hanno fatto ripercorrere quel tesoro di meraviglie che è la sua discografia.
Ho così riscoperto fino quasi al dolore fisico un album straordinario come “The sensual world” che in una serie di capolavori di proporzioni atomiche passa perfino in secondo piano.
Due sono i pezzi che all’interno di questo miracolo di album mi sono sembrati davvero ultraterreni.
Questo e questo.
“Never be mine” e “Walk straight down the middle”, supremo e definitivo quest’ultimo nel chorus (He thought he was gonna die , but he didn’t. She thought she just couldn’t cope, but she did), con la voce di Kate che sembra davvero provenire da un altro mondo.
E questo capolavoro è pure una b-side…
Come dire : non abbiamo ritegno nel cospargere di diamanti il nostro passaggio.

Wow, unbelievable

“I am delighted to announce that we will be performing some live shows this coming August and September.
I hope you will be able to join us and I look forward to seeing you there.
We’ll keep you updated with further news on the web site.
Meanwhile, all details of concert dates and tickets are in the note below.
Very best wishes,
Kate”

Questa lettera, scritta col garbo e con lo stile di una signora agée dopo il tè delle cinque, rappresenta qualcosa che, sinceramente, non credevo appartenesse alla sfera del possibile.
Nella storia della musica moderna il ritorno di Kate Bush sulle scene live appartiene ad un genere leggendario, quasi favolistico, paragonabile solo a una reunion dei Beatles di cui si parlava fino a qualche anno fa, prima della dipartita di alcuni dei suoi componenti.
La divina, la regina della musica degli ultimi 30-40 anni, la creatrice dell’opera più affascinante, qualitativa ed importante di sempre fa il suo ritorno sulle scene a distanza di 35 anni dal leggendario e brevissimo tour del ’79 (che si chiamava, non a caso e profeticamente, “Tour of life”), finito simbolicamente proprio ad Hammersmith, ossia laddove si consumerà il brevissimo, iper casalingo tour della reclusa Kate.
Si sono fatte molte illazioni sul ritiro dalla vita pubblica, quasi completo ed ossessivo, di questo genio della musica incarnato in una giovane, misteriosa donna.
Sicuramente la paura delle conseguenze della fama, una certa ritrosia da scrittore alla Salinger, la refrattarietà dichiarata a mettersi in piazza, soprattutto nei confini di un palcoscenico.
Stage fright sublimato all’ennesima potenza e risolto in un autoisolamento nella campagna inglese.
Sarà davvero interessante vedere quale sarà il rigido apparato scenico nel quale Kate proverà ad incanalare le sue paure, permettendole di tirare fuori la sua arte indiscutibile di fascinazione ed ammaliamento.
Il tour del ’79, ancora oggi, fa impressione per bellezza, idee musicali e coreografiche, una prova superba per una quasi esordiente.
Un risultato straordinario che però ha lasciato cicatrici profonde nella psiche, come da lei stessa dichiarato più volte.
Questa attesa messianica, per un personaggio che è andato molto oltre la pura grandezza musicale (chi ha legioni di fans che festeggiano pubblicamente il compleanno con ricorrenza apposita, il “Katemas”?), è finita ieri.
E subito la rete, i social networks, i giornali e i portali di tutto il mondo non hanno più parlato d’altro.
Inutile dire che la richiesta per i biglietti prevedibilmente spropositata (circa 50.000 posti a disposizione in totale, ma con efficaci tecniche anti bagarinaggio) renderà il prossimo venerdì un altro momento epocale di test della rete.
Già ieri i vari siti coinvolti, a partire da quello di Kate stessa, sono andati down rapidamente.
Anche lo scrivente si metterà ovviamente nella coda, ancorché digitale, sperando di realizzare questo che è uno dei sogni musicali più attesi da sempre.
Kate oggi è una signora intelligentemente distratta sul suo aspetto fisico e oltre ogni moda, musicale e non.
Era partita come giovane strega misteriosa, assolutamente affascinante e unica nel suo genere, dotata di un talento musicale quasi ultraterreno e inspiegabile per una ragazza così acerba.
Sulla rete si trovano video davvero intriganti, come questo, all’inizio della sua carriera con i genitori, o come questo, girato in un parco divertimenti olandese davvero, davvero misterioso.
Della sua musica imprenscindibile ho parlato in altro post, ma vi lascio con questo regalo, un classico con un testo quanto mai appropriato per l’occasione, e con questo gioiello, uno dei tanti in una miniera di capolavori.

Kate forever

Penso che esistano poche artiste in ogni epoca e in qualsiasi campo che possano eguagliare la grandezza e la potenza di Kate Bush.
Siamo soliti attribuire alle artiste femmine una serie di caratteristiche peculiari che anche la divina possiede ma il livello di affezione e di fanatismo che circonda la reclusa della campagna inglese (uno dei segreti del suo successo : essere spariti agli occhi del mondo dopo un solo tour live) è la spia di un impatto più profondo.
Ci sono persone che si ritrovano nei parchi per fare flash mobs danzo-canterecci a lei espressamente dedicati.
Ci sono persone che festeggiano il suo compleanno in maniera quasi sacrale con appositi parties (Katemas : 30 Luglio).
In Italia, inutile dirlo, la maggioranza che fa danni anche in altri campi, come è noto, la ricorda ancora e la categorizza come la strana tipa che gorgheggiava con una voce acutissima in “Wuthering heights” (Cime tempestose), primo singolo e quasi unico vero successo mondiale di massa di Kate.
In realtà non avevamo a che fare con una divetta del pop pronta per singoli più o meno weird da dare in pasto al popolo ma con una artista che in pochissimo tempo ha sfornato almeno 4 albums che sono entrati di gran carriera nella leggenda e nel nostro cuore.
Già il primo album, “The kick inside”, registrato con l’aiuto di David Gilmour (nientepopodimeno) ad una età imbarazzante per chiunque, soprattutto allora, è da sempre considerato uno dei migliori e più stupefacenti esordi di sempre.
Ancora adesso l’atmosfera onirica ed emotivamente squassante di quel capolavoro non fa prigionieri.
Ma la sequenza successiva : Lionheart – Never for ever – The dreaming produce ancora una tale messe di suggestioni e di violente emozioni musicali che è lecito parlare di magia pura.
Poi è iniziata la fase “matura”, albums di enorme livello, estremamente rarefatti e distanziati nel tempo, ricchi di capolavori ma già diversi dalla prima ondata, così indiscutibilmente devastante.
Non saprei neanche da dove iniziare per consigliare dei singoli pezzi, l’unico consiglio che ho sempre dato è : discografia completa ed ascolto, old style, pezzo dopo pezzo perchè la logica è quella del concept album anche quando non espressamente dichiarato, il viaggio sonoro e l’album come veicolo.
Generosamente vorrei almeno citare tre vette straordinarie : questa, questa e quest’ultima tratta dal cupissimo e vertiginoso “The dreaming”, un album ancora adesso inarrivabile per profondità di costruzione.
Ma la verità è che Kate ha composto decine e decine di canzoni stratosferiche, con una nonchalance che ancora oggi è incredibile e promette l’eternità.
Per noi anglomani, puro escapismo sonoro e una canzone che resterà negli annali dell’amore per quella terra, qui declinato nell’english pride postbellico più classico.
Una canzone che recita così :

Oh! England, my Lionheart
I’m in your garden, fading fast in your arms
The soldiers soften, the war is over
The air raid shelters are blooming clover
Flapping umbrellas fill the lanes
My London Bridge in rain again

Oh! England, my Lionheart!
Peter Pan steals the kids in Kensington Park
You read me Shakespeare on the rolling Thames
That old river poet that never, ever ends
Our thumping hearts hold the ravens in
And keep the tower from tumbling

Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
I don’t want to go

Oh! England, my Lionheart!
Dropped from my black Spitfire to my funeral barge
Give me one kiss in apple-blossom
Give me one wish, and I’d be wassailing
In the orchard, my English rose
Or with my shepherd, who’ll bring me home

Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
I don’t want to go
Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
Oh! England, my Lionheart
I don’t want to go

E davvero mi è dolce naufragare in questo mare.